#Scrittura28 e #LettereMagenta: scrittura ferace

C’è una storia che comincia più o meno così:

“Prendi un mazzo di persone. Sì, proprio un mazzo, non un gruppo, non un mucchio, ma proprio un mazzo. Una parola che si usa per i fiori, usato per persone ben temprate invece che matite ben temperate. Prendi questo mazzo di persone e dà loro un motivo per scrivere. Ogni. Giorno. Per. Un. Mese. Uno spunto, un esercizio, un cornetto che accidenti-credevo-fosse-crema-al-cioccolato-invece-era-inchiostro-sembra-che-una-biro-mi-sia-scoppiata-in-bocca”.

Questo hanno fatto #Scrittura28 e #LettereMagenta: per 28giorni28 hanno pungolato un gruppo di mostri magenta (matti, completamente matti, certo) e ne sono saltate fuori cose che definire belle è estremamente riduttivo e, insomma, qui le parole le coltiviamo, quindi ci teniamo, quindi possiamo anche tirare fuori qualcosa di più ricercato.

E adesso?

Adesso è il momento di poter avere in mano Tutti.Gli.Esercizi. Ampliati, espansi, come i polmoni quando respiri, abbelliti, come gli occhi sotto certe luci sistemate ad arte. Riorganizzati, riassemblati, trapiantati dentro sfide nuove, innestati in nuovi giardini salati. In quattro parole? Resi.Ancora.Più.Magenta.

Come potresti stare senza?

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...