Espresso

josefine-jonsson espresso

I nostri risvegli condivisi
li hanno seppelliti ancora agonizzanti.

I binari morti dormono
su tragitti in puerperio e sfavillanti.

Scissi ricomponiamo d’altre culle i pezzi.


Ma c’è una verità non osi pronunciare:
Ci siamo affezionati agli inizi.
E no, non possiamo cambiare
.

Hai presente quel mal di testa che non ti abbandona quando sei stressato? Il mal di pancia che ti attanaglia nella tua morsa quando sei nervoso/agitato?

La mente influenza il corpo. Ma forse forse succede anche il contrario.

Se racconti una bugia un milione di volte forse non sembrerà davvero la verità. Ma se sorridi, a dispetto di tutto, un milione di volte allora forse qualcosa dentro scatterà.

Come una stella che cade, un desiderio che hai paura perfino di dire a voce alta, un caffè che macchia i fogli e forse li macchia ma forse li rende solo più vissuti.

Il blog è cambiato fuori sia perché sta cambiando dentro e vuole si veda anche fuori sia perché cambiare fuori può aiutare a cambiare dentro etc etc etc. 

Ma, come quando provi una nuova miscela ma il cuore pulsante è sempre il chicco di caffè, così gli organi fondamentali hanno sempre lo stesso suono mentre nuotano nel rosso profondo. 

Per questo il cervello pensante di Calamo è ancor di più la scrittura. Come malattia e cura. 

Per questo penso ti piacerà inaugurare le nuove fattezze facendo qualcosa di magico, insieme: commenta scrivendo una frase compiuta di circa cento caratteri.

Se sei il primo a commentare a te l’onere e l’onore di creare il breve incipit di questa storia costruita a suon di commenti.

Se invece non sei il primo devi applicare la sempreverde tecnica del “sono andato al mercato e ho comprato”: la tua frase deve infatti nascere come plausibile continuazione della frase che ti ha preceduto e chi ti seguirà farà lo stesso (la plausibilità è affidata alla tua abilità).

So che ti stai chiedendo: puoi commentare più volte? Sì, certo! Devi solo aspettare che tra un tuo commento e un altro tuo commento ci siano almeno tre altrui commenti in mezzo.

Sei pronto? Certo che sei pronto, sei un Calamista, sei sempre pronto. 

Come un desiderio espresso che piano piano prende forma così prenderà corpo il nostro esperimento di scrittura, di commento in commento, di una storia.

Advertisements

5 pensieri su “Espresso

  1. E così il grumo di Calamisti, di occhiali filtro-porporina provvisti, passeggiano volando nel mondo che stanno, ognuno a suo modo, creando. Un flusso di sangue Magenta che luccica nel cielo di Calamo, arcobaleno magico e accogliente come un talamo.

  2. Intorno, però, il blue resta sempre tale…Teste creattivanti sanno che sarebbe “vitale” contenerlo in qualche piccolo boccettino dotato di contagocce; in dosi non eguali ci si raccomanda di plasmare un liquido dal colore cangiante. Coraggio, prodi Calamisti, un’altra sfida tesa e loquace ci attende.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...