Cambia tutto in un baleno

cambia tutto in un baleno

“Un arcobaleno non è qualcosa di concreto che abbia esistenza effettiva in una porzione del cielo.”

Tieni in mano una di quelle matite gommose, morbide. Il medio e l’anulare la tengono ferma, perché si sta fermi per tanto tempo in un punto quando si è molto fedeli a una scelta o troppo mediocri per metterla in discussione e nel frattempo il pollice la piega. No, non è vero che ciò che conta è solo raggiungere lo scopo. Piegare questa matita con le dita non è lo stesso di piegarne un’altra, senza trucchi, rigida. Non è una vittoria reale. E neanche una vittoria che vedi solo tu. Non è niente. Si tratta solo di un arcobaleno che sarebbe potuto essere. Invece è stato solo un temporale.

“Si tratta solo di un fenomeno ottico la cui posizione apparente dipende dal punto in cui si trova l’osservatore e dalla posizione del sole.”

Ripensi a quella scena in cui lui chiede a un altro “ma se tu stessi con wonderwoman ti importerebbe se gli altri non la reputassero fantastica come la reputi tu?” e l’altro risponde che no, certo che no, chissenefrega degli altri, gli altri hanno torto marcio e io lo so. Bella,  che ci importa del mondo. Oh, ci importa eccome. Anche se tutto è effimero, tutto all fine ha un termine a prescindere da quanto sia stata violenta prima la tormenta. Ci importa eccome anche se star “bene” o “male” è in fondo talmente relativo che si riduce tutto a un “meglio” o “peggio”. Come un fascio di luce dentro un prisma di pessima fattura.

“La posizione di un arcobaleno nel cielo è sempre dalla parte opposta rispetto al sole e l’interno è sempre leggermente più luminoso dell’esterno.”

La matita ti scivola dalle mani e per terra inizia a rotolare. Sospinta dal vento. Pure tu sei sempre stato controvento. L’aria ti esplode in faccia e i capelli sono fuochi d’artificio, gli occhi stelle di natale, la pioggia ti sferza il viso con una violenza che ti fa pensare che finché continui a camminare nulla potrà frti troppo male. Ma non ti devi fermare. Non importa quanto fuori fa buio. Dentro sfavilla. O sfavillerà.

“Tutte le gocce di pioggia rifrangono la luce solare nello stesso modo, ma solo la luce di alcune di esse raggiunge l’occhio dell’osservatore.”

In fondo è vero, ogni cosa è continuamente illuminata. E tu sei una cosa non meno di altro. Sei una tazzina col manico rotto (come la tazzina di quella storiella per bambini che hai inventato) e sei un piatto sbeccato e sei una camera spoglia e una vetrinetta del ‘500 usurata dal tempo. Ogni cosa intorno a te è investita di luce. Eppure tu non vedi tutto. E ogni persona intorno a te ha, a modo suo, l’occasione di splendere. Ma solo qualcuno viene visto da brillare dagli altri. E solo pochissimi da tutti quelli che vorrebbero. O almeno da quelli che davvero vorrebbero.

“Questa luce è quella che costituisce l’arcobaleno per quel determinato osservatore.”

Ti alzi dalla sedia per raccogliere la matita. Provi a cambiare angolazione perché quando sei un arcobaleno l’angolazione è proprio fondamentale. Tu preferisci sempre rischiare le vertigini che dover costantemente alzare il naso in su. Del resto non solo hai tante frecce. Hai 7 archi dalla tua.

Arco rosso

Come il mirtillo rosso che ti macchia le labbra erose dai baci

Arco arancione

Come il cielo quando sanguina perché sta tramontando il sole

Arco giallo

Come la giraffa che si è innamorata ieri e ancora non lo sa

Arco verde

Come il basilico annaffiato di lacrime

Arco blu

Come occhi “cielo di marzo dipinto a acquerello dentro una soffitta fredda che tanto è marzo e il peggio è passato”

Arco indaco

Come qualcosa che forse esiste o forse no ma forse non è così importante

Arco viola

Come il violetto di bromocresòlo usato come indicatore di pH

Quali sono i tuoi 7 superpoteri colorati con cui pensi di affrontare questo capodanno settembrino?

(I calamisti che ricevono le mie email sceme scemissime ormai c’hanno fatto l’orecchio al termine “capodanno settembrino”)

Advertisements

3 pensieri su “Cambia tutto in un baleno

  1. Posso scegliere gli scudi? Posso?… Possoooooo? 😀

    Non sono tipo da archi io, e poi gli scudi in generale mi sono sempre piaciuti.
    Si ok, ho una deviazione quasi maniacale per l’universo fantasy, i GDR, i giochini on-line con orchi, barbari e cose varie, ma la passione per gli scudi va oltre… avessi posto in casa ci riempierei le pareti.
    Ah, e non dimentichiamo che in battaglia sono fortissimi non solo in difesa!

    Vabè, parliamo di cose serie e quindi, se ne avessi uno per ogni colore dell’arcobaleno sarebbero così:

    Scudo rosso
    Che con un’esplosione di forza, come una fiammata gigante, spazzi via tutto quello che mi si para davanti;

    Scudo arancione
    Perchè nel freddo dei momenti difficili, incanali un po’ di tepore e lenisca le ferite prese in battaglia;

    Scudo giallo
    Per un fascio di luce abbagliante che spaventi i nemici e rassicuri le persone vicine;

    Scudo verde
    Da usare nei momenti tranquilli, in segno di “oggi niente battaglie” perché stiamo vincendo la guerra;

    Scudo blu
    Perché con la sua luce profonda saturi di colore vivo anche le giornate più grigie;

    Scudo indaco
    Per dimostrare forza nel tempo, perché qui non si ingrigisce, ma si esplode di forza celeste e si arriva fino ai colori del cielo;

    Scudo viola
    Perchè adesso ci sono, fisso, in piedi e ci rimango. Perché io il mio posto me lo sono meritato. Perché adesso sono più forte, adesso nel mio piccolo regno, sono il re.

    1. Un combattente torna sempre a casa con lo scudo, no?
      Questi scudi sono bellissimi, roba da vero calamista livello pro.
      Devo occuparmi di fare delle medaglie, delle coroncine, magliettine luccicanti, roba così, perché è importante che calamisti di tale foggia siano riconoscibili a una sola occhiata!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...