Calamorso e… Chat

Calamorso e... Chat

Leggere questo post prima del precedente non è come mangiare il dolce prima del primo (cosa che vuoi lo puoi fare, se ti va puoi pure concederti questa inversione senza che qualcuno si faccia male, davvero). No. Leggere questo post prima di aver letto En train de (il primo Calamorso) è severamente vietato da tutte le convenzioni che avrebbe questo posto se questo posto avesse delle convenzioni ed è fortemente sconsigliato da 10 medici su 10.

Il riassunto

(come quando andavi (o vai, magari ci vai ancora, in questo caso non sei troppo giovane per essere qui? Mi fai sentire vecchia) a scuola e alla fine del capitolo sapevi che c’erano un paio di righe riassuntive)

Fino al 28 aprile potrai inviare un tuo racconto di lunghezza compresa tra le 5 e le 10 cartelle (9000-18000 battute) con tema “cosa succederebbe se il mio personaggio perdesse il treno?”. I racconti ritenuti, a mio sindacabilissimo giudizio,  adeguati ai Calamisti saranno postati sul blog. Vince il racconto che riceve più condivisioni su Twitter e Facebook.  In palio c’è il primo Calamoquio della storia (in pratica una CHAT, con la padrona di casa Calamo alias io, con qualche domanda per tirar fuori un’intervista da pubblicare su Calamo).

“Tutto chiaro? Ci sono domande?”

Ciao regina indiscussa del regno di Calamo, ma in pratica il gioco quando finisce? Quando viene proclamato il vincitore che, per l’occasione, piangerà come una Miss Italia che ancora non ha visto la pace nel mondo?

Allora, il gioco finisce il 28. Quindi tu puoi in teoria inviarmi il racconto anche il 28 ma in quel caso hai solo quel giorno, fino alla mezzanotte, per veder aumentare il volume delle condivisioni come aumenta il volume della panna quando la monti.

Ehilà ferroviera di en train de, hai detto che i racconti verranno pubblicati sul Calamo, giusto? Ma col nome e cognome dell’autore? Posso scegliere un nickname?

Importante! Importantissimo! I racconti saranno pubblicati in forma anonima e chiedo a tutti coloro i quali parteciperanno di non comunicare a nessuno qual è il loro racconto. Perché? Presto detto: vorrei fossero i racconti a essere condivisi più che i loro autori. La magia (che poi è anche la cosa che ci atterrisce, per certi versi) è che ciò che scriviamo proviamo a scriverlo infondendogli abbastanza forza da essere in grado di farsi valere anche senza di noi. Ma allora non è importante per un autore farsi conoscere? Eccome se è importante! Ma prendi questo gioco come un’occasione per vedere se ciò che scrivi colpisce o non colpisce nel segno indipendentemente dal fatto che sia tu a scriverlo. (Una volta conclusosi il Calamorso potranno essere rivelati i nomi dei partecipanti.)

Per altri dubbi si pregano i gentili lettori di fare le loro fusa, ehm, domande, alla sottoscritta.

Advertisements

16 pensieri su “Calamorso e… Chat

    1. E tu lasciali s-correre.
      Chè tanto poi, il più delle volte, è tutto un corsi e ricorsi e la ciclicità del tempo che a volte ci pare un supplizio può diventare quasi… Una benedizione

  1. Torno dopo un po’ e trovo sta cosa carinissima!! Ma non so se potrò partecipare, il racconto sarebbe di sole sedici battute, già edito peraltro quasi tutte le settimane. Il mio personaggio se perdesse il treno…

    Darebbe di matto.

  2. Oggi che prendo un treno fondamentale, ci sta bene leggerti (e iniziare a scrivere). Oggi che il treno “perso” mi farebbe perdere mille altri treni. Oggi che il treno “preso”, potrebbe farmi perdere ugualmente tutti i prossimi, oppure trasformarli in nuovi treni da prendere con altri occhi, altri biglietti, altre attese. Altre direzioni soprattutto.

    1. Ok, controllore, sono senza biglietto. Lo ammetto.
      Ma non è colpa mia.
      Il fatto è che resistere agli inviti che a volte ti fanno le parole di Franco… È una battaglia persa.
      Per questo dopo soltanto tre righe mi sono ritrovata qui su questo treno con lui.
      (“Nulla si crea, nulla si distrugge” mi sa che vale pure per i treni. Perciò credo proprio i tuoi treni si trasformeranno. E ho la sensazione muteranno in treni sempre più belli.)

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...