Se non capisci qual è la festa allora la festa sei tu

se non capisci qual è la festa allora la festa sei tu

E se il mondo ti cade addosso?

Tu ti sposti.

E prendi il tuo post e lo s-post-i con te.

Perché i post sono come i grandi amori e le tue scarpe preferite e gli occhi di tua madre: sono ovunque sei tu.

Perché ti abitano come farebbero le filarie che sono parassiti che vedi camminare sotto gli occhi e quindi sei certo che in qualche modo influenzino il tuo modo di guardare le cose e quindi pensi siano parassiti con uno certo spessore (non solo in senso strettamente, o largamente, letterale) ma, in realtà, non necessariamente. Perché le filarie possono anche decidere di stazionare nel posto sbagliato e così ti ritrovi con un braccio o una gamba enormi, mostruosi e finalmente ti rendi davvero conto che è proprio vero che a volte le persone crescono come città, senz’ordine, ma non diventano grandi davvero ed è proprio vero che i sogni corrono il rischio, quando si fermano, di accrescersi solo per diventare mostri di una ragione assonnata anche loro.

Quindi, i post. Prendi un post e lo sposti. E dove lo metti? Se raggiungere il lettore è come riuscire a mettere la stella in cima all’albero, come essere capace di sistemare il tanto agognato puntale (che in realtà avevo scritto “pugnale” e penso si tratti in qualche modo di un lapsus freudiano, no?) allora il post se vuoi spostarlo devi metterlo dentro un pacchetto.

Sarà un post un pochetto diverso: ci saranno consigli che travalicano il campo della scrittura, che saltellano sulle note, ci sarà qualche ricetta strana che potrebbe essere presa alla lettera giusto da un pazzoide che ha fame di giorni che sanno di tutto e non sfamano per niente. Ci sarà qualche foto e qualche parola, ché a volte le parole, col loro inchiostro, sanno cristallizzare perfino meglio di un’immagine fotografata. Perché, a volte, la migliore formalina è l’inchiostro. E quando l’inchiostro ti immortal(izz)a ti rendi conto, più che mai, che sei un pezzo bioptico e non autoptico, sai?

(Se ti va di spacchettare anche questo regalo, che forse dentro avrà uno di quei serpente a molla che non fanno ridere nessuno ma di fronte a cui tutti sorridono con un sorriso così carico di mestizia che se fosse un camion con un carico in certe strade non lo farebbero passare… Sai già che la via privilegiata per arrivare all’obiettivo è commentare, commentare, commentare).

Advertisements

12 pensieri su “Se non capisci qual è la festa allora la festa sei tu

  1. Supposto che sia il posto giusto per il post, io non mi sposto. Se poi sposti apposta il post perché mi sposti allora mi apposto sul posto apposta per aspettare il post nel posto giusto.

  2. Seguendo te ho scoperto Seme Nero e so già che il regalo è già arrivato. Ora il di più. Fermo restando che una didascalia alla foto, compendia il tuo assioma. (Il serpentino a molla mi ha fatto (sor)ridere, del resto ce lo stai dicendo a chiare lettere che la festa siamo noi…)

  3. OK, ho tutti (e sono tanti eh) i device con la posta sincronizzata sopra! Linux, mi avverte, Android mi avverte…Goldrake mi avverte!

    Non avevo così tanta ansia da quando aspettavo Babbo Natale! 😀

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...