4 miti da reinventare per diventare un mitico blogger/web writer

4 miti da reinventare per diventare un mitico blogger/web writer

Questo post nasce da un dialogo. Del resto quando scrivi, e ciò che scrivi lo pubblichi, non stai forse iniziando un dialogo? Ti dirò di più: io dico che per scrivere (e quando dico “scrivere” intendo “scrivere bene”, lo sai) serve il metodo DICI. In che consiste?

  • Dialogo: quel dialogo fondamentale che riesci a instaurare col tuo lettore
  • Interesse: sia l’interesse che tu stesso nutri verso ciò che fai sia l’interesse che riesci a suscitare
  • Confronto: la voglia di metterti in gioco confrontandoci senza sosta
  • Impegno: l’impegno che profondi nello scrivere ogni singola parola

Sai, io ci ho messo impegno a scrivere questo post. Perciò spero accenda il tuo interesse e la tua voglia di un confronto. E che faccia nascere un dialogo.

Il non plus ultra è stare ra-nicchia-to

Quando in un distretto anatomico come lo stomaco si forma una nicchia radiologicamente è visibile un'”immagine di plus“. Insomma è come se vedessi un pezzetto in più.

E, in effetti, col tuo blog, anche tu hai cercato di guadagnare qualche pezzo di successo in più individuando la tua nicchia e puntando su quella. Il tuo plus. Come se fosse assolutamente indispensabile votarsi a una nicchia ben delimitata per arrivare al non plus ultra, al massimo, al punto più alto che si può raggiungere.

Quante volte hai sentito dire che per raggiungere la vetta della popolarità con un blog, per espandere il raggio d’azione delle tue parole, è necessario individuare una nicchia? Certo, trovare una nicchia che sia il perfetto punto d’incontro tra una tua passione e un’esigenza del lettore è una marcia in più ma la scelta della nicchia del tuo blog non deve mai diventare una decisione limitante.

Non vuoi trovarti a lasciar marcire importanti parti di te sacrificate alla specializzazione a tutti i costi, vero? Il tuo lettore, se lo saprai fare, sarà anche in grado di apprezzare i momenti in cui ti dedichi a argomenti a più ampio respiro (ma sempre pertinenti naturalmente): in questo modo chi seguirà il tuo blog sentirà sempre una piacevole sferzata di aria fresca a ogni lettura di un tuo nuovo post.

Tocca il cielo con un Didone (senza staccare i piedi dal terreno)

Didone era una dritta e, se avessi chiesto consiglio a lei al tempo in cui riuscì a ottenere la sua Cartagine di dritte perfette per arrivare dritto all’obiettivo che ti stai prefiggendo con la tua scrittura te ne avrebbe date di certo a iosa.

Sei approdato nella terra del web writing col tuo bel bagaglio di conoscenze e aspirazioni ma adesso? Adesso non sai proprio come conquistare il tuo posto, come guadagnare (terreno) scrivendo. Sai cosa devi fare? Devi fare come Didone: sfruttare al massimo quello che ti viene offerto.

Non possiamo certo dimenticare che Didone raccolse e vinse la sfida del re Iarba che la invito a “prendere tanto terreno quanto poteva contenerne una pelle di bue”. Didone si sarebbe potuta limitare a lagnarsi per la scarsità dei suoi mezzi. Ma, per fortuna, la necessità fa aguzzare l’ingegno. Così Didone cercò di trarre il massimo da ciò che aveva tagliando la pelle in tante listarelle e  riuscendo così a delimitare il territorio di Cartagine. Perché non fai una lista anche tu delle tue capacità che puoi trasformare in opportunità?

Una campagna a regola di M-arte

Ogni scrittore che tenta la conquista del web (come, del resto, un po’ ogni scrittore, in generale) ha più di una “campagna”. C’è la campagna in senso “ambientale” che è il suo terreno di competenza. Sono le abilità che possiede e che non smette mai di coltivare, gli interessi che ha e a cui non dimentica di dedicarsi con cura (sperando di ricevere apprezzamenti) come fa un contadino coi propri appezzamenti.

Ma c’è anche la campagna “pubblicitaria” che fai di te stesso. L’attenzione che investi nella costruzione del tuo “personal branding“, la promozione che sei in grado di fare della tua persona e del tuo operato. E, poi, naturalmente, c’è anche la campagna “militare”.

Quella campagna in cui è fondamentale essere in grado di impiegare nella maniera più proficua le proprie risorse. Tenendo fede a una propria strategia di battaglia ma non dimenticando che, un buon generale, sa essere flessibile e essere pronto a cambiare i propri piani al cambiare delle condizioni generali. Attenzione però, nella lotta alla difesa dei tuoi sogni, nella battaglia alla conquista delle mete prefisse dalla tua ambizione, il nemico non è la fantomatica concorrenza: il nemico da superare sei solo tu e la tua convinzione di non potercela fare.

Sarai ciò che sei se seguirai Ero

Un mio amico mi ha raccontato un mito. E io ora lo racconto a te perché dovrebbe funzionare sempre così con le cose belle: si dovrebbe essere sempre desiderosi di farle passare di bocca in bocca e di mano in mano invece che restare con le mani in mano di fronte alla brutture.

Questo mito parla di due innamorati, Leandro e Ero, e delle loro traversie. Tu sei Leandro: per raggiungere l’oggetto del tuo amore devi avere il coraggio e la forza di gettarti in mare (in mezzo ai pesci grandi, sì) e di nuotare, nuotare, nel mare magnum di internet fino ad arrivare alla sponda opposta.

Ma, fortunatamente, proprio come Leandro, non sei del tutto solo in questa impresa: come Leandro si faceva guidare dalla lucerna di Ero così tu devi saper farti guidare dai segnali luminosi che ti lanciano i lettori che ti seguono.

Il momento in cui si finisce di leggere e una call to action… leggendaria

Hai finito di leggere. Se sei arrivato fin qui significa che sei passato attraverso alcune “leggende” e ora, che mi stai leggendo in questo paragrafo finale, forse ti aspetti che io ti chieda di fare qualcosa, ti inviti a condividere, commentare, scrivere sui muri di casa tua che ciò che scrivo ti piace. Ecco, stavolta proprio no. Prenditi questo spazio più che per fare qualcosa per me per fare qualcosa per te. Prenditi questo spazio anche “solo” per pensare.

Advertisements

8 pensieri su “4 miti da reinventare per diventare un mitico blogger/web writer

  1. Il D.I.C.I. è una bella idea e anche quella delle divinità. Penso di prendere a esempio Didone e sto facendo quella lista di cui parli nella domanda. E anche Marte è da tenere in considerazione.

    Brava, hai trovato belle verità sui blogger.

    1. In questa settimana sono… Mitica.
      Fa sempre piacere sapere di aver “trovato belle verità sui blogger”. Soprattutto se te lo dice un blogger che stimi.

      (Didone è contenta di esserti stata d’esempio! 🙂 )

  2. E’ vero che il Nemico sono sempre i limiti che noi stessi ci poniamo, ma per me la domanda critica è un’altra: quanti sforzi posso profondere per raggiungere questo obiettivo (per esempio la riuscita del blog) senza penalizzare le altre cose che amo? Di fondo, il probema è che la giornata si ostina ad avere solo e sempre ventiquattro ore.

    1. Priorità! Ecco la parola magica!
      Mi viene in mente quella storiella che si sente spesso sul professore che riempì un vaso prima di sassi grandi, poi di sassi più piccoli e infine di sabbia mostrando come, solo seguendo questo preciso ordine, si possa avere spazio nella propria vita sia per le cose più importanti che per quelle più “frivole” (mentre riempendo subito con la sabbia la sabbia avrebbe inevitabilmente tolto spazio ai sassi, simbolo delle cose fondamentali).

  3. E così sono uscite fuori tre parole chiave, una implicitamente e l’altra esplicitamente.
    Consapevolezza, talento (ricordi la parabola?) e priorità. La consapevolezza dei propri limiti e dei propri pregi ti aiuta a coltavare un talento, attraverso la guida di una scala di priorità. E più sei consapevole, più riesci a distinguere i gradi di priorità, meglio coltivi e così via.

    1. Così si innesca quel circolo virtuoso che ti permette di entrare nei circolo dei virtuosi dove è importante mostrare il talento (certo che ricordo quell’indimenticabile parabola!), quello vero, fertile, più che sterili virtuosismi!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...