Scrivi meglio con la tecnica del gelato (la dolce vita del web writer)

web writer, dolce vita, ice cream, gelato

Quando ti appresti a scrivere un articolo ti si gela il sangue? La paura di ricevere dai lettori solo gelo ti fa presto desistere? La ricetta magica non esiste ma per scongelare la tua voglia di creare puoi pensare al tuo blog come a una gelateria. Continua a leggere e preparati a alzare il cornetto: il lettore ti aspetta.

Scrittura a cono: la piramide rovesciata

Individua la crème de la crème dell’argomento che vuoi trattare e mettila in cima: scrivere seguendo la forma di un cono, infatti, significa scrivere secondo la tecnica della piramide rovesciata. Quando versi i contenuti nella struttura del tuo post stai riempiendo un imbuto che, più ampio in alto, ti fa avere al primo assaggio una panoramica generale e che proseguendo nella lettura ti porta a scivolare nel particolare.

Cialda: l’impalcatura del tuo articolo

La cialda è la colonna portante di un cono gelato: come non c’è cornetto senza cialda così non c’è post senza struttura. Pensa alla cialda del tuo post come all’impalcatura fondamentale del tuo articolo, lo scheletro (tutto da mordere) del tuo scritto ricco di mordente. Il contenuto del tuo post dovrà essere delizioso ma anche il contenitore deve essere gustoso.

C’è chi preferisce lavorare stendendo una scaletta, più o meno accurata, prima di iniziare a scrivere e chi punta a stendere il lettore con un getto di scrittura ma l’importante è che la struttura del tuo post sia…  croccante. Il modo in cui i tuoi pensieri  sono organizzati deve infatti  mettere al lettore voglia di divorare il tuo post e la rete impressa sulla cialda del tuo post deve avere una trama solida per racchiudere come si deve il contenuto.

Palline di gelato: i contenuti del post

Il momento in cui riempi il cono è il momento in cui ti dedichi ai contenuti. Per prima cosa devi trovare il gusto giusto per te. La gelateria del tuo blog può offrire vari gusti per i vari tipi di lettori ma ti serve un gusto di punta. Il tuo gusto è il sapore di base di ogni tuo post, il carattere che dai a ogni carattere che scrivi, l’intonazione che usi per parlare nel tuo cornetto. Trova il tuo sapore e avrai trovato il tuo stile nell’esprimere il sapere.

Più ci si allena a scrivere più la tentazione di impilare parole su parole è dolce. Le parole del resto sono pile che danno energia al post ma è meglio fare attenzione a crearne una pila troppo alta. Potrebbe franare. Quando metti una sull’altra le palline di gelato devi mostrare al massimo le tua abilità di giocoliere ma devi anche mettere in conto che con qualche parola potresti sbagliare il tiro e che alla fine, l’ultima parola sulla qualità del tuo cono, è sempre del lettore.

Granella di nocciole: una dolce anticipazione

Un titolo che mette curiosità, un’immagine accattivante, un incipit interessante tutto questo è la granella di nocciole, l’anticipazione della delizia che il lettore assaporerà se sceglierà di affondare gli occhi sul tuo post. Stuzzica il palato del tuo visitatore anticipandogli contenuti allettanti ma attenzione alle promesse di marinaio: se deluderai il lettore il tuo blog verrà steso (su un letto di critiche come chiodi) e i lettori veleggeranno verso siti migliori.

Punta di cioccolato: un epilogo gustoso

Hai presente quel momento goduriosissimo in cui il tuo cono e quasi finito e tu stringi tra l’indice e il pollice l’ultimo pezzo di cialda? Ecco. Quello è il momento in cui devi lasciare nel tuo lettore/mangiatore di post/gelati un buon ricordo. La punta di cioccolato è la sorpresa finale, l’ultima piccola grande attenzione al visitatore che può fare la differenza tra un addio e un arrivederci. È la tua firma, il tuo saluto in chiusa, il momento in cui chi è arrivato alla conclusione se si sarà sentito coinvolto condividerà con te le sue impressioni e, del tuo post, farà salire il numero delle condivisioni.

E se ti stai leccando i baffi…

Fai una cosa in barba alla pigrizia. Gustati un gelato. Letteralmente (perché no?) e soprattutto metaforicamente. Senti che il blocco (di ghiaccio) dello scrittore si sta sciogliendo? Mentre i tuoi neuroni battagliano a colpi di palle di neve tu gioca con le tue idee come con palline di gelato. Scrivi quello che avevi già in testa ma che non riuscivi a tirare fuori e poi, se ti va, condividilo qua.

Annunci

38 pensieri su “Scrivi meglio con la tecnica del gelato (la dolce vita del web writer)

  1. Incontestabile, come sempre Spiritello. Bello, più scorrevole del tuo solito: mi piace. E soprattutto se è vero che la piramide rovesciata è una cosa conosciuta, è altrettanto vero che questa prospettiva della punta al cioccolato, il boccone speciale messo in fondo è più interessante del classico “chiudi con una cta”. Questo, è un valore aggiunto che apre diverse prospettive. Brava Monia!

    1. Sai com’è, quando si è impegnati a gustare un buon gelato (seppur letterale) è più difficile lanciare la lingua in frasi arzigogolate (ecco!): sono molto contenta di sapere che questo articolo si è lasciato divorare da te più facilmente 🙂
      Nei tuoi post, per esempio, la vera CTA mi sembra proprio sia un cioccolatino che inviti il tuo lettore a cercare e assaporare al di fuori del tuo blog.

  2. Bella metafora, io ci aggiungerei anche la panna montata che ti prepara ad entrare nel tuo mondo.
    Per fortuna non ho mai avuto il blocco dello scrittore, non mi sono mai posto problemi simili con sangue gelato e paure di ricevere commenti: non sarei un blogger, altrimenti 😉

    Moz-

      1. Beh, anche la granella allora può essere non richiesta!
        Ma in un gelato completo, la panna c’è, e per me il suo ruolo è quello di preparare il lettore ad entrare nel tuo mondo. Magari è la grafica circostante, o l’immagine di apertura. O magari ancora, l’immagine di apertura è il biscottino di cialda, chissà 🙂

        Moz-

      2. Sai stavo pensando anch’io alla grafica… Quindi opterei per panna=grafica e biscottino di cialda (come ho potuto tralasciare il biscottino di cialda?)=immagine di apertura!
        Certo, magari c’è anche qualcuno (folle!) che non ama la punta di cioccolato ma noi siamo golosi (di parole) 😉

      3. Io compro il Cornetto Algida quasi solo per la punta di cioccolato, baby! Pensa tu! 🙂

        Comunque, per come vedo e vivo io il blogging, spesso si può fare anche una superzuppa zozzosa con gelato, cialde, biscotti, panna ecc ecc… Non ci sono regole fisse, l’unica regola è abbandonarsi alla fantasia: se hai un tuo stile preciso, il lettore lo riconosce e ti seguirà sempre.
        Ma parlerò di questo domenica, anche io dirò la mia sul come si fa blogging! XD

        Moz-

      4. Eheh, domenica avviso io tutta la cricca (tu, Imperi, Rob, Riccardo, Cris…) sarà un post che invade il vostro campo da gioco :p

        Moz-

  3. Sto proprio adesso assaporando quella punta di cioccolato golosissima e che, come accade con ogni tuo post, suggella un “arrivederci”.
    Brava Monia, un altro post curioso, intelligente e ricco di spunti.
    Uno su tutti, quella pila di palline che se non prestiamo attenzione, potrebbe franare tra le nostre mani e tra quelle dei nostri lettori/assaggiatori, diventando solo fastidiosa e un po’ appiccicosa.
    Ancora complimenti e alla prossima, Monia…io intanto corro ad addentare un bel cono! 😉

    1. In questi giorni dissemino spunti da romanzo rosa un po’ ovunque quindi sai che ti dico cara Ale? Che forse ogni post è come un primo appuntamento: devi dare al lettore una buona ragione per aver voglia di uscire ancora con te.
      E sì, se per il primo appuntamento andate in gelateria meglio non ordinare il cono versione Torre di Babele o il disastro è in agguato!

      Grazie mille per i complimenti, mia brillante assaggiatrice. 🙂

  4. Questa metafora mi apre a nuove prospettive… D’ora in poi, quando scriverò, penserò sempre al tuo gelato, Monia.
    Ho già capito che ingrasserò… Ma va bene così! 😀

    1. Non voglio responsabilità per la famigerata prova costume ma… Sono sempre felice quando qualcuno si immerge nelle mie parole e si diverte a sguazzare in ciò che scrivo! 🙂

  5. Non amo il gelato (assurdo eh?) eppure me ne hai fatta venire la voglia!
    E mi hai dato l’entusiasmo per scrivere anche oggi un altro post, grazie mille Monia!

    La tecnica del cono è perfetta: se arrivi a leggere fino alla fine – sotto la pallina di gelato – vuol dire che hai avuto avuto il desiderio di approfondire, entrare nei dettagli oltre la superficie di granellosa, oltre all’immagine, per gustarti veramente tutto.
    E allora, mentre godrai della punta di cioccolato, avrai imparato qualcosa di nuovo e ti sarai confrontato davvero con chi ha scritto …il gelato.
    Bravissima!

    1. Non ami il gelato? Sì, un po’ assurdo, ma a Francesca Ungaro si perdona tutto 🙂
      L’entusiasmo è tra le “malattie contagiose” decisamente la mia preferita: grazie a te per il sostegno!

      Mi piace pensare che quando la tecnica del cono funziona si ritrova sotto il cono di luce di un riflettore non soltanto il gelataio/scrittore ma anche (e soprattutto) il lettore.
      Perché un blog è come una famiglia fatta dal (o dai) blogger e dai suoi lettori: o tutti si vince o tutti si perde.

      Mille grazie! 😀

  6. “O tutti si vince o tutti si perde”, verissimo.
    E’ la condivisione: il segreto di ogni comunicazione riuscita!

    E anche se non amo il gelato, anche io – come Miki e come te – compro il cuore di panna dell’Algida solo per la punta di cioccolato 🙂
    Un abbraccio entusiasta!

  7. Che ne dici di aggiungere altre cose, diciamo “gadget”, da mettere sul gelato? Io prendo il cono sempre con panna. E magari in alcuni casi puoi avere le M&M’s o un biscotto infilato sulla punta del gelato.

    Le M&M’s potrebbero essere le immagini: non sono propriamente utili, ma ti fanno gustare meglio il gelato.
    Il biscotto invece i bottoni sociali: il tuo amico lo usa per assaggiare il tuo gelato. Anche questa è condivisione.

    1. Con la trovata del biscottino di cialda come metafora dei bottoni sociali credo tu ti sia guadagnato un diritto vitalizio di condivisione di tutte le gelatate che ci saranno d’ora in poi sul blog e non solo! (se si dice “pizzate” per indicare serate in cui si mangia la pizza perché non dire “gelatate” per indicare riunioni dove a farla da padrone è il gelato? Tranne per la nostra Francesca Ungaro, certo…)

      1. Francesca sappi che mi serve una guida in fatto di vini perché sono imperdonabilmente poco preparata…
        Ma iniziamo dai bianchi? Magari con le bollicine? 🙂
        (Ecco, se un post fosse un bicchiere di prosecco i lettori sarebbero le indispensabili bollicine senza cui il calice perderebbe di senso!)

  8. Ho gustato l’articolo, ho letto e gustato i commenti.
    Ho quindi inviato il link a tre collaboratori che, come me, scrivono con la tecnica del “soffritto” (con punta di bruciato..)
    Bene, ora va tradotto ed esportato! #sharingItaly

    1. Ecco, la “tecnica del soffritto” è proprio geniale!
      Adesso però ce la devi raccontare dettagliatamente!
      Dopo tanto gelato una frittura fatta a regola d’arte ci sta proprio… 😀

      1. Non intendo sottrarmi al racconto, aspetto però la fine di questo lunedì di lavoro, per integrare con eventuali commenti di Camillo, Manuela, Roberto (in modo INpersonale: i collaboratori…)

      2. Stasera allora ti aspetto con Manuela, Roberto e Camillo! Soprattutto Camillo perché da piccola avevo un bambolotto che avevo chiamato proprio così. Quindi mi auguro sia l’incarnazione del mio giocattolo d’infanzia, sì. 😀

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...